OTA: cosa sono e come funzionano

Care e cari WuBookers, nel vostro glossario di marketing turistico non può mancare la definizione di OTA. Chi ha una struttura alberghiera deve avere assolutamente ben chiaro cosa sono, come funzionano e quali vantaggi e svantaggi portano con sé le OTA.

Cosa sono le OTA

OTA è l’acronimo di “Online Travel Agencies”: agenzie di viaggio che operano online, fornendo un servizio di intermediazione tra gli ospiti e le strutture ricettive a fronte di una commissione. 

Le OTA sono una parte fondamentale del web marketing turistico: chi vuole programmare un viaggio in autonomia difficilmente cerca le camere su motori di ricerca generici, ma si affida a siti specializzati. Su questi portali di prenotazione, il turista può confrontare diverse offerte di ospitalità in un luogo di suo interesse e finalizzare la prenotazione, senza uscire dal portale.

Vuoi sapere come incrementare il tuo business con le OTA?

Iscrivendoti alla newsletter ricevi via mail i consigli dei nostri esperti e offerte commerciali più vantaggiose:

    Tutte le informazioni sul trattamento nell'informativa privacy.

    Come funzionano le OTA

    Abbiamo detto che le OTA offrono agli ospiti un servizio di facilitazione nella ricerca delle strutture ricettive. Per farlo danno ai viaggiatori l’accesso a tutto ciò che potrebbero desiderare per il loro prossimo viaggio. Spesso propongono pacchetti che includono biglietti aerei e hotel o offerte speciali, come le “vendite flash”, per aumentare le prenotazioni verso le compagnie aeree e gli hotel partner. Questi enormi siti web hanno milioni di visitatori mensili.

    Inoltre, le OTA garantiscono, con la propria intermediazione, l’affidabilità delle strutture presenti sul portale. Non si tratta solo di un’operazione volta a tutelare la “reputazione del portale di prenotazione”, ma di una questione operativa circa il rispetto del contratto di prenotazione, di fornitura del servizio pattuito e delle regole di cancellazione. 

    Molte agenzie online, infatti, in caso di overbooking, vincolano le strutture a collocare gli ospiti in altre strutture della stessa zona e senza spese aggiuntive per l’ospite, ma a carico della struttura inadempiente.

    Ci sono anche agenzie che non forniscono alle strutture i dati delle carte di pagamento degli ospiti per garantire che i pagamenti vengano addebitati con le tempistiche pattuite dalle regole di cancellazione e che eventuali penali vengano caricate solo se effettivamente dovute. Infine, alcune OTA non forniscono alle strutture i contatti diretti degli ospiti, obbligando così all’intermediazione per la comunicazione tra struttura e ospiti.


    Ma quanto costa il servizio delle Online Travel Agencies?

    Le agenzie di viaggio online guadagnano prendendo una commissione sulle prenotazioni che va dal 5% al 25%. Il tasso di commissione viene calcolato in modo differente in base alla struttura ricettiva. 

    Un altro costo è determinato dalla pubblicità: gli hotel pagano per essere posizionati in modo vantaggioso nei risultati delle ricerche dei viaggiatori. Questo modello, utilizzato anche dai siti metasearch, è generalmente basato su pay-per-click.

    I vantaggi e gli svantaggi

    Dovrebbe essere chiaro che le agenzie di viaggio online portano notevoli vantaggi sia al viaggiatore sia ai proprietari delle strutture ricettive. I primi hanno la possibilità di vagliare moltissime soluzioni per la propria vacanza e approfittare di prezzi al ribasso; i secondi ottengono una grande visibilità e aumentano le probabilità di vendita indirette e dirette.

    Infatti, la visibilità sulle OTA giuste ha una ricaduta anche sulle prenotazioni che un ospite effettua direttamente sul sito della struttura. Questo succede perché, molti utenti, una volta trovata la soluzione ottimale tramite le agenzie online, cercano il sito web della struttura. Qui possono avere più immagini e informazioni, condizioni economiche vantaggiose, una maggior flessibilità delle politiche e una maggiore disponibilità di alloggi. 

    Esistono però anche degli svantaggi: non tutte le OTA sono allo stesso modo affidabili. Può succedere che al momento della prenotazione vengano aggiunti costi o tasse che al momento dell’offerta non comparivano. Oppure, ci possono essere problemi con l’assistenza clienti. Può infatti capitare di avere bisogno di supporto e di trovarsi a pagare a parte questa assistenza. 

    Le OTA più importanti

    Alcune delle più importanti OTA sono Booking.com, Airbnb, Expedia, HRS ecc. ma ce ne sono anche di più piccole dedicate alle formule b&b, ostelli (come Hostelworld) o strutture di lusso.

    Quasi ogni OTA ha la sua fascia di mercato o area geografica di riferimento, sia come localizzazione delle strutture sia come bacino di utenza degli ospiti. Agoda, ad esempio, è il portale di riferimento per prenotare le strutture del sud-est asiatico (anche se non offre solo quelle) e Ostrovok, che tratta strutture di tutto il mondo ma è prenotabile solo da ospiti russi. Oppure ci sono molti portali che vendono strutture di specifici territori italiani, anche molto circoscritti e che sono visibili solo a chi si connette da nazioni estere come la Germania o i Paesi Bassi. 

    Come scegliere le OTA più adatte alla tua struttura?

    Iscrivendoti alla newsletter riceverai via mail i consigli dei nostri esperti e offerte commerciali più utili.

      Tutte le informazioni sul trattamento nell'informativa privacy.

      Channel Manager e OTA

      Se si decide di utilizzare i servizi delle agenzie turistiche online, magari combinate con quelle dei metasearch, è bene avvalersi anche di un Channel Manager. 

      Il Channel Manager è uno strumento, o soluzione tecnologica, con il quale è possibile gestire facilmente e contemporaneamente l’offerta e la vendita delle camere di una struttura ricettiva da più piattaforme di prenotazione. 

      Il CM è infatti in grado di aggiornare in tempo reale (e automaticamente) le disponibilità di camere o appartamenti su tutte le piattaforme di vendita a cui è collegato. Questo permette di ridurre la possibilità di overbooking, possibili errori tra strutture e di risparmiare, quindi, tempo e risorse. 

      Torna all'inizio