BTO: facebook e iphone

Giovani,

alla stazione leopolda di Firenze ha luogo la BTO, fiera dedicata al turismo su web. Io la sto seguendo spesso dall’ufficio, a questo indirizzo:

http://www.livestream.com/expomeetinglivehq

Ora, e’ da ieri che assisto a un’impennata decisa di interventi che parlano di Social Network e Mobile (il mercato degli smartphone, come iphone e android). Ora vorrei buttare li qualche riflessione e sapere cosa ne pensate:

social network e mobile per il mondo del turismo online
social network e mobile per il mondo del turismo online

Io sono personalmente e professionalmente orientato a sostenere che questi media non fanno business. E, se fanno business, soltanto grazie a investimenti tali da non essere giustificati. Sostengo inoltre che alcune compagnie stiano sbagliando a promuovere con tanta enfasi questi mezzi, perche’ rischiano di creare una bolla.

Perche’ sostengo queste affermazioni?

  • I social network come facebook e twitter sono popolarissimi e in crescita. Ma perche’ si usano? Si usano per fare, soprattutto, relazioni interpersonali. Si usano soprattutto per per cercare e trovare un partner. O per chattare con gli amici. Mi sembra come cercare di promuovere un’agenzia viaggi all’interno di un locale di sabato sera, quando tutti sono ubriachi. Si certo, si incontra anche quello interessato, ma siamo sicuri che sia giusto passarci cosi’ tante ore?
  • Smartphone: alla BTO sembra che sia imperativo avere un sito Mobile-like. Ma siamo sicuri? Io ho uno smartphone e, nonostante mi diverta con molte “app” (giochi, wikipedia, e via dicendo)  navigo pochi siti e se lo faccio, per intrattenimento. Durante l’estate, per esempio, l’app di booking.com per la prenotazione di hotel tramite iPhone e’ stata quasi costantemente tra le prime 25. E’ l’app che fa la differenza, non il sito.

Sono realmente curioso di sapere cosa ne pensiate. C’e’ qualcuno di voi che ha deciso di investire seriamente sui social o sul mobile? Vorrebbe raccontarci esperienze e risultati, opinioni? Finora, tutti quelli con cui ho parlato, hanno finito per dirmi, infine: “si, in effetti chatto molto su facebook, ma poi di preno, molto poche”.

9 Responses

  1. Bell argomento Federico.

    Io, come te, ritengo assolutamente una perdita di tempo, a livello di lavoro, i social network.
    Non cpaisco e non condivido tutta questa enfasi da SN..

    E\\\’ troppo il tempo da perderci, troppo pochi i riscontri.
    Vedo vari alberghi che aprono l\\\’account, ci metteno 4 foto..fanno 4 amicizie…poi resta tutto li fermo senza più nessun aggiornamento…a questo punto diventa addirittura dannoso per l\\\’immagine della nostra struttura.
    A mio avviso Facebook e Twitter non sono un campo ideale per la promozione delle strutture alberghiere…
    Il tuo esempio dice tutto.

    Per quanto riguarda il mobile invece sono un po\\\’ più
    ottimista..ma resto in attesa di capirlo bene.
    Vedo un buon aumento di clientela \\"walk in\\" che mi ha trovato quando erano per strada con lo smartphone..li un pensierino ce lo farei…vedremo

    Gab

  2. Secondo il mio umile e modesto parere ogni canale può essere utilizzato per fare marketing. Bisogna però studiarlo approfonditamente e cercare di capire come sfruttarlo al meglio. I Social Network permettono di sfruttare quella che viene definita “l’onda anomala”, cioè un’improvvisa e repentina diffusione di un messaggio con la velocità della luce, in varie parti del mondo. Un’onda incontrollabile che può far diventare una semplice idea, promozione, offerta, notizia, una vera bomba di marketing!
    C’è chi è riuscito a trovare la chiave di volta ed ha avuto vantaggi incredibili per il proprio business.
    La maggior parte delle aziende invece che hanno provato ad utilizzare i Social Network sono rimaste scottate, oppure hanno fatto un semplice buco nell’acqua.
    I Social Network sono solo uno strumento, con una serie di peculiarità uniche, per esempio la viralità con cui si diffondono le informazioni. La differenza la fanno le idee giuste, le trovate geniali, le iniziative uniche, le notizie curiose, i messaggi efficaci. Tramite i social network le idee vincenti si diffondono con la velocità della luce ed i vantaggi sono incalcolabili.
    E’ questo quello che bisogna comprendere, senza fare valutazioni affrettate e superficiali.
    Vi mostro un esempio di un’azienda che ha fatto la sua fortuna sfruttando i social network, in particolare youtube (ha utilizzato anche gli altri social per diffondere i video): http://www.willitblend.com/videos.aspx?type=unsafe&video=iphone
    E’ una ditta di frullatori, niente a che vedere con il turismo. Ma il discorso vale per tutti gli ambiti.
    I loro frullatori sono i più robusti e potenti del mondo. Cercavano quindi un’idea vincente per farlo capire alla gente e l’hanno trovata. Hanno iniziato a pubblicare dei video simpatici e goliardici, mostrando che tutto può essere frullato tramite i loro frullatori, anche un iphone, una scopa, delle biglie di vetro,…
    Il video dell’iphone nel frullatore è stato visto più di 9 milioni di volte. Immaginate l’aumento del valore del brand, l’incremento nelle vendite, le recensioni ed interviste ricevute da tv e magazine.
    E’ questo il vero valore dei social network, ma senza un’idea giusta servono a poco.

    Per quanto riguarda i siti mobile-like sono pienamente d’accordo con Federico.
    Il futuro del mobile sono le APP. Applicazioni semplici ed immediate che hanno poche funzionalità ma le svolgono bene. Applicazioni usabili e pratiche anche con un monitor da 2,5 pollici. L’APP di Booking è fatta molto bene, anche quella di Home Away. Ce ne sono tantissime.

  3. Dimenticavo di precisare che il primo video dell’azienda di frullatori è costato appena 50$. Quindi nessun grande investimento 😉

  4. E’ vero i sn non generano business, ma generano contatti e diffondono con grande velocità una notizia. Penso che sia interessante proporre ai clienti del settore turistico la figura di un “web promoter” che sviluppi notizie sui social network tenendo aggiornati in tempo reale i vari profili. Penso sia molto interressante (abbiamo avuto risultati ottimi) caricare mini video o viral video su youtube creando un profilo aziendale e collegandolo a facebook e twitter. Naturalmente è fondamentale dare informazioni e non cercare di vendere qualcosa, altrimenti il profilo aziendale viene vissuto “male” dagli utenti dei sn.

  5. Ciao Raffaele,ci linki qualcosa? Il discorso Youtube e’ interessante e se linki gli hotel da qui, tutto di guadagnato in ambito seo, no?

    Comunque, certo, avere un’idea che si diffonde a velocita’ elevata e’ possibile. Nel caso di un hotel, tuttavia, non conosco precedenti di questo tipo. A meno di un hotel, mi sembra di venezia, la cui reception online aveva un bug tremendo e vendeva le camere a un centesimo. Vedo piu’ affine una promozione turistica in questo senso che una promozione alberghiera.

  6. alla fine, per quanto riguarda i sn, penso che sia una scelta legata al proprio target
    di clientela.

    Per avere contatti e far diffondere velocemente una promozione posso anche andare con un tavolino al centro commerciale o mettermi a distribuire volantini davanti al supermercato o mettermi su un sito di annunci.
    Quello che ne scaturirà è in conseguenza.

    Si possono fare 1000 cose diverse per farsi conoscere.

    A mio avviso il tempo che gli si deve dedicare per averlo sempre aggiornato e soprattutto il tipo di clientela a cui ci si riferisce non fa valere la candela, almeno nel caso mio.

  7. Caro Gab credo che la tua sia una considerazione molto corretta. I metodo di promozione sono infiniti e ognuno ha il suo target di utenza.
    Bisogna sempre partire dagli obiettivi e dal ROI (ritorno dell’investimento).
    Fare promozione sui social network è un investimento che può essere molto o poco costoso, dipende da molti fattori. Bisogna essere bravi a valutare l’effettiva entità dell’investimento e i relativi ritorni economici e d’immagine.
    Lavorare con i social network vuol dire dare piena voce agli utenti. Bisogna essere pronti ad ogni evenienza, anche a quelle più negative. E’ un po’ come il discorso delle recensioni.
    La cosa più sbagliata che uno può fare è pensare che basta aprire un account Facebook, aggiornarlo frequentemente e si diventa ricchi. Non è così!

  8. Ciao a tutti.
    Io sono convinto che l’app mobile sta vivendo una esplosione generalizzata molto simile (ma con le dovute differenze) che visse il mondo online a suo tempo. Mi permetto di segnalare alcune apllicazioni che stanno vedendo un incremento esponenziale delle prenotazioni.
    http://www.hoteltonight.com/
    http://blinkbooking.com/
    Sicuramente ci sarà una fetta del mercato che rimarrà ancora lontano dal prenotare attraverso queste modalità, ma con tutto rispetto lo vedo molto in crescita.
    Un saluto

Lascia un commento

Back to Top